emotions mamy

COME ORGANIZZARE E PROGRAMMARE I PASTI FUORI CASA

Dopo la colazione, il pasto più importante della giornata è quello che, per essere pienamente salutare , si dovrebbe consumare tra le 12:00 e le ore 13:00.

Purtroppo per come sono organizzati i ritmi lavorativi di diverse categorie di lavoratori e studenti, la pausa pranzo può slittare anche intorno alle 14:00 e in alcuni casi anche più tardi. Inoltre, questo pasto, per molti, si incastra tra impegni lavorativi serrati, così i minuti a disposizione, per poter rifocillarsi e riposare, sono veramente pochi.

Nessun pasto dovrebbe essere consumato con fretta e senza la dovuta calma e distensione. Purtroppo dobbiamo adeguarci con serenità alle situazioni, cercando di fare di questo momento breve, molto spesso trascorso fuori casa, un’occasione per prenderci cura della nostra salute. Consumando un pasto leggero, in grado di darci la giusta energia per continuare subito dopo a lavorare senza appesantirci.

Acquistare presso rosticcerie, bar o supermercati panini, rustici o piatti pronti non è consigliabile dal punto di vista nutrizionale, anche se è pratico e veloce. Meglio programmare anche i nostri pasti fuori casa come dovremmo programmare tutti quelli che consumiamo tra le pareti domestiche.

Procuriamoci dei contenitori compatti e riciclabili per trasportarli comodamente. Pensiamo a ricette rapide e semplici da preparare al mattino o la sera prima, gradevoli da consumare a temperatura ambiente.

organizzazione pasti

Insalate di pasta o riso, zuppe di cereali e legumi, insalate miste di verdure crude. Frutta fresca e secca, semi con scaglie o pezzetti di formaggio, sono ideali. Ma anche verdure cotte, miste a cereali o come contorno a pasticci di carne o pesce o uova sode, tutti piatti unici nutrienti e completi.

Al piatto unico potete aggiungere una porzione di frutta da portare già tagliata, in un contenitore in cui per evitare l’ossidazione di alcune tipologie di frutta, come mele o banane, potete spruzzare qualche goccia di limone. In alternativa se non vi garba l’aspro del limone, mescolare i pezzetti di frutta a spicchi d’arancia tagliuzzati o a dello yogurt, kefir o skyr.

 

IL CONSIGLIO DI TIZIANA:

E a proposito di arance, io adoro un favoloso piatto unico e completo, composto da pezzetti d’arancia, finocchi, semi di zucca decorticati, conditi con un goccino extravergine d’oliva, un pizzico di sale e pepe. A piacimento potete aggiungere gamberetti precedentemente scottati, alici marinate, o uova sode, o scaglie di parmigiano, o riso o cereali o altro a vostro gusto e fantasia.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per aiutare la vostra pianificazione dei vostri pasti fuori casa, allego una tabella in cui inserire il menu giornaliero, le ricette e il promemoria di ciò che avete in dispensa, in frigo, in freezer e di ciò che vi manca da inserire nella lista della spesa.

organizzazione pasti

La tabella che vi propongo vi permette di inserire cinque pasti fuori casa, dal lunedì al venerdì. Vi lascio qui una tabella editabile così da poterla modificare e personalizzarla secondo le vostre esigenze.

Alla prossima. Tiziana – Ecco Fatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *