Lifestyle

IL CULO DI NOI MAMME – Quando la (s)fortuna è dietro l’angolo

Prova a pensare a quanto sei (s)fortunata. Prova a pensare  alla tempistica efficientissima che hanno i tuoi figli di stare male nello stesso istante in cui tu non stai bene.

Prova a pensare al culo che ti ritrovi quando tu stia poco bene e loro decidono di stare peggio di te.

L’altro giorno, nel giorno di San Valentino ho capito di avere molto culo. Soprattutto quando nel cuore della notte tua figlia ti vomita in faccia. E tu passi dalla beatitudine del sonno ad esclamare: Ma che ca@@o sta succedendo?

Ma partiamo dall’inizio.

Il 14 Febbraio è stato il San Valentino che non avrei mai voluto.

Mi sveglio la mattina leggermente disturbata di stomaco, ma si sa, quello che hai tu non ha importanza perché il mondo gira abbastanza veloce fuori, e tu non puoi perdere il giro.

Quindi come al solito ti fai carico di tutto e vai. Per quella sera avevi da giorni pensato a come trascorrerla, infatti io dovevo fare una di queste cose che trovi qui.

Ma lo sai bene, MAI e dico MAI fare programmi.

La cena a base di pizza e schifezze salta. Il marito sta seguendo un regime alimentare sano (proprio in questi giorni dovevi iniziare?) e allora niente pizza, lievitati, pane, pasta e compagnia bella. Verdure. Direi il massimo del romanticismo brindare davanti ad un piatto di broccoli.

Ore 21.00

Tu, con lo stomaco sotto sopra per la cena ti accontenti di una mela.

Ore 22.00

Divano, coccole, brividi, due linee di febbre, che per te è come bere un bicchier d’acqua. Ok questa serata già ha fatto abbastanza schifo possiamo andare a letto.

Ore 24.00

Mamma, mi fa male il pancino, posso venire nel letto con voi?

Va bene vieni.

Ore 02.00

IL DISASTRO!!

I particolari ve li risparmio, ma diciamo che ho vissuto momenti migliori.

Ore 2.06

Dopo che lei poverina aveva finito, cambia il pigiamino, rimettila in culla, metti delle coperte pulite sulla culla.

Pulisci per terra, disinfetta per terra, spruzza in disinfettante per aria.

Marito trasferito nel letto con il bambino. “Papà, spostati sto cadendo”. “Ti mantengo io, dormi.”

Cambia il lettone, sposta tutto nel bagno. Avvisa il marito che il letto è fatto e può venire a dormire. (Ma non stava già dormendo?)

Ore 2.45

Ti riemetti a letto.

Ore 3.15

Tosse. Paura. Vomito, di nuovo.

Ricambia il pigiamino, per fortuna questa volta ha fatto meno disastri. Tu furba, ti sei procurata già una bacinella, nel caso…non si sa mai. E così è stato.

Ore 6.15

Suona la sveglia.

In tutto questo non dimentichiamo che eri tu quel giorno che non stavi bene. Eri tu che volevi essere coccolata o almeno essere lasciata in pace perché non stavi bene. Ma dico io, neanche il culo ( o fortuna) di stare male per i fatti nostri abbiamo. L’essere mamma è anche questo, annullamento di se stesse per dedicare tutto agli altri. Che poi questi “altri” sono pezzi di cuore che alloggiano in casa tua.

 

Risultati immagini per stanchezza

 

Dopo che hai passato tutto, e dico tutto il giorno in movimento, e hai dormito solo tre ore, dimmi tu più che #buongiornouncazzo e #sanvalentinouncazzo che altro vuoi dire??

Certo è, che la sfiga non la vivo solo io, ma anche loro. E anche Mummy in Progress ce ne da testimonianza.

E voi avete “culo” nella vita come il mio?

 

4 thoughts on “IL CULO DI NOI MAMME – Quando la (s)fortuna è dietro l’angolo

  1. Bellissima….capita anche a me praticamente sempre…. Compleanni, festività, programmi fatti 6 mesi prima…. Io lo dico sempre che non rientro nella categoria delle mamme fortunate, perché loro esistono, e io le invidio da morire!!!
    Baci bella e riprenditi

  2. Per quest’anno posso ritenermi una di quelle mamme fortunate di cui ha parlato Maria perché ( ma lo dico con un filo di voce) i bimbi non hanno avuto ancora malanni…
    Però, da mamma, posso capire e immedesimarmi e concordo pienamente sul fatto che noi ci annulliamo e, come dicevo proprio poco fa a mia suocera, quando stiano male diventiamo praticamente invisibili agli occhi di tutti e credo che questa sia una cosa davvero molto molto triste!
    Giusi, siamo tutte con te!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *