Lifestyle

IMPARARE A RISPARMIARE

Partiamo dal fatto che io non sono nessuno per insegnare niente a nessuno, ma posso solo condividere con voi alcuni miei accorgimenti per risparmiare qualcosina.
Il risparmio che si vuole ottenere è in funzione 1) al vostro budget mensile 2) al vostro stile di vita.
L’intento è quello di arrivare a fine mese non proprio senza un euro ( ma anche solo arrivare a fine mese è già un’ottima riuscita, no?!).
Bisogna mettersi a tavolino e pianificare un po’ di cose…

1) Capire qual’è il budget che abbiamo a disposizione e qual’è la cifra che si vuole risparmiare. Se abbiamo il nostro stipendio in contanti allora materialmente togliamo la cifra che abbiamo deciso di risparmiare e la mettiamo da un’altra parte, così che noi non la vediamo e non abbiamo la tentazione di spenderla, (ovviamente non abbiate larghe pretese per le prime volte, iniziate gradualmente!).

2) Destinare già una parte dello stipendio a bollette e scadenze varie e metterle da parte, così eviterete di consumarvi tutti i soldi e di non poter pagare le cose necessarie. Quindi enel, mutuo, finanziamenti vari, fatevi la somma e togliete  questi soldi dal vostro badget, adesso con quel che vi resta bisogna andare avanti.
3) Sembra noioso è inutile ma invece non lo è, anzi, è sempre bene prendere nota di tutte le spese giornaliere che fate. Provate per un giorno e vi renderete conto che a fine giornata riguardando la vostra lista sicuramente vi direte “Accipicchia, avrei potuto evitare di comprare questo o quello!!”. Questo vi servirà per capire cosa è necessario e cosa è inutile o di cui si può fare a meno.
    Per esempio chi come me fa lavoro di ufficio, ha mai pensato a quanto si può risparmiare rinunciando al caffè del bar tutti i giorni, magari anche due volte al giorno, senza contare i croissant? Non dico che non dobbiamo mai andare al bar, ma il più delle volte portiamo da casa un termos di caffè o caffelatte, una brioche da casa e la colazione economica è pronta. Mettete in un salvadanaio tutti gli euro risparmiati e a fine mese fatevi un regalino, compratevi qualcosa come premio per il costante impegno….mi saprete dire!
    Lo stesso vale per il pranzo fuori se non avete la possibilità di andare a casa. Portatevi un contenitore con qualcosa cucinato da voi, un’insalata ricca con tonno e uova sode, con striscioline di pollo, un panino farcito, un primo freddo, ma cercate di evitare ogni giorno il ristorante o la tavola calda. Aiuterete la vostra salute e le vostre tasche.

4) Datevi un budget a settimana per la spesa, esempio 50 € o 70 € o 100 €, con questo dovete necessariamente andare avanti durante la settimana e non spendere 1 centesimo di più, vi aiuterà a darvi dei limiti nelle spese.

5) Lo so che il tempo a disposizione è sempre pochissimo, soprattutto se lavorate, ma cercate di vedere qual’è il supermercato dove ci sono più offerte, prendete frutta e verdura dal fruttivendolo e non vi soffermate alle piccole botteghe o salumerie (a meno che non abbiamo delle offerte), perché loro non avendo grande potere d’acquisto è improbabile che possano vedere ad un prezzo inferiore rispetto ad un grande supermercato. Imponetevi di fare la spesa il sabato così non siete vincolati dal lavoro e potete tranquillamente muovervi in cerca dell’offerta, tralasciando le piccole cose come il pane o il latte fresco che comprerete di volta in volta.

6) Se il mese scorso vi siete comprate quel bellissimo paia di scarpe che tanto vi piaceva, o quel maglioncino che vi dona tanto questo mese o quello che verrà evitate, alternate un mese concedetevi degli acquisti il mese successivo invece niente, questa accortezza riequilibrerà il vostro budget.

7) Se avete dei bambini come me che crescono a vista d’occhio la parola risparmio difronte a loro si annulla, ma possiamo fronteggiare la situazione in questo modo. Quando compriamo per loro i vestiti prendiamo qualche taglia in più, senza esagerare ovviamente. Per esempio mio figlio che ha 8 mesi veste 12 mesi, ma io compro sempre 18 o 36 così non rischio che il mese successivo già non gli vada più nulla.

8) Se possibile evitate aperitivi fuori con gli amici, frequenti ritrovi al bar con le amiche o amici, fatelo al massimo 1 volta alla settimana, una valida alternativa potrebbe essere quella di organizzare una volta la mese per esempio un aperitivo, o un buffet a casa propria invitando i vostri amici, con qualche tartina, un prosecco e della buona compagnia recupererete il tempo perso con loro e risparmierete anche. (Perché un conto è farlo una volta al mese, un conto è spendere al bar più vote a settimana!).

9) Se siete una schiappa come me nel fare la lavatrice 🙁 e il vostro cruccio sono i “bianchi” che devono essere splendenti, brillanti e senza una macchia allora non spendete i vostri soldini nel comprare additivi sbiancanti, come facevo io in passato. Piccole furbezze imparate sul web:

    Quando un capo si macchia, tipo le bavette o tutine o magliettine dei bambini (o degli adulti) immergetele subito in un acqua calda versateci del bicarbonato e fatele stare in ammollo. Quando arriverà il momento di riempire la lavatrice allora toglietele dall’acqua. Nel cestello con il bucato lasciate il tappo con il vostro detersivo preferito e richiudete il cestello.
Nella vaschetta del detersivo versare un altro pochetto di detersivo, il bicarbonato e il sale grosso. Il bicarbonato smacchia e il sale grosso aiuta a mantenere saldi i colori (quindi va pure bene per i capi colorati o neri).
Durante il lavaggio versate un pochino di ammorbidente nella vaschetta del detersivo, ma giusto un po’, così i vostri capi profumeranno anche di ammorbidente. E, nella vaschetta dell’ammorbidente mettere 2 tappi di aceto bianco e uno di acqua. Non sono uscita pazza, l’aceto eliminerà il cattivo odore dal bucato e una volta fuori dalla lavatrice non sentire mica l’odore dell’aceto, ma l’odore dell’ammorbidente e del detersivo. 

10) Per risparmiare sulle bollette prendete alcuni accorgimenti. Spegnete tutto la sera prima di andare a dormire, televisori, dvd, computer, le lucette rosse accese indicano comunque che l’apparecchio è ancora alimentato dall’elettricità quindi spegnetele per bene. Quando aprite il frigorifero non è necessario stare lì e contemplarlo, apritelo e richiudetelo subito. Se avete la fascia energetica bioraria ricordatevi di mettere in funzione la lavatrice nelle ore in cui si consuma di meno, se questo non è possibile valutate una nuova offerta elettrica che più si affina alle vostre esigenze in casa. E ricordatevi che il riscaldamento accenderlo un’ora al giorno a 23 gradi per esempio è tutto denaro sprecato! Meglio tenerlo a 18° o 20°  per esempio per alcune ore del giorno e del pomeriggio così che la casa essendo continuamente riscaldata raggiungerà prima i gradi desiderati e una volta fatto questo i caloriferi si spegneranno subito e noi starete caldi. Se invece gli accendete per un’ora e anche al massimo il consumo di gas sarà maggiore e la casa non si riscalderà.

Io non sono diventata ricca ma almeno arrivo a fine mese!
A chi voglia consigliarmi altri metodi di risparmio ne sarei grata.
Un bacio a tutti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *