Lifestyle

QUANDO IL BULLO E’ TUO FIGLIO

Tema delicato, mente sommersa dai mille pensieri, cuore in gola, mani tremolanti.
Si parla tanto di educazione, di quanto il ruolo del genitore sia fondamentale, di come sia difficile essere mamma di un figlio maschio perchè hai il dovere morale di renderlo un UOMO.
Le prime esperienze scolastiche, i primi approcci con i suoi coetanei, i primi approcci con l’altro sesso. La scuola, la condivisione dei giochi, il rispetto per l’altro, l’importanza dei ruoli.
Quale mamma non vorrebbe sentirsi dire dalle insegnanti che tutto vada magnificamente, che tuo figlio è in gamba, che è rispettoso, educato ecc..ecc..

Ma quando ti viene detto il contrario, tu che fai? Quando tu vai a prenderlo tutta contenta e ne esci mortificata, tu che fai? Quando ti dicono che tuo figlio ha atteggiamenti poco consoni, tu che fai? Quando senti che è poco educato, tu, che fai? Quando è lui il bullo della scuola, tu, che fai?

bullismo-2.jpg

 

A me è cascato il mondo.
Quando tu provieni da una famiglia per bene, quando tu sei sempre andata benissimo a scuola, quando tu hai sempre portato rispetto per tutto e tutti (forse adesso fin troppo) e ti senti dire il contrario per tuo figlio ti arriva una pugnalata al cuore. Non solo, ma non sai neanche come comportarti.

Non è vero quando mi dicono è solo un bambino, cambierà. A quel bambino se non viene dato il giusto insegnamento non capirà e non cambierà. Oggi è l’asilo, domani è la scuola elementare, poi le medie e allora addio…sarà sempre più difficile controllarlo ed educarlo.
Sono sempre stata a favore delle campagne contro il bullismo, ma dentro muoio se penso alle famiglie di questi ragazzi, perchè non sempre è tutta colpa dei genitori. Ci sono le punizioni, le negazioni, gli schiaffi se servono…ma potrebbe non bastare. E  tu genitore sei additato, e lo è anche tuo figlio.
A me è ancora piccolo, devo lavorarci su perchè quello che faccio non è abbastanza, non ho ancora i risultati sperati.
Ma sta di fatto che io mi trovo dall’altra parte, quella del torto, sento parlare di Bullismo e mi si gela il sangue, perchè un giorno quella parola potrebbe essere usata per mio figlio.

E parlo anche a quei genitori che puntano il dito contro, a quei genitori che a tre anni mi volevano denunciare, a quei genitori che  hanno subito delle ingiurie per i loro figli…dietro ogni bambino c’è sempre un adulto, con un cuore e una mente. Quel bambino, quella mamma, quel papà potrebbero avere delle difficoltà ad affrontare questa nuova cosa, vi assicuro che sono spiazzati anche loro, e piuttosto che dargli contro una mano tesa non sarebbe male, un po di comprensione non guasterebbe. Certo, è sempre da  valutare l’entità dell’accaduto..ma ragazzi, stiamo parlando di scuola materna!!

Non per questo però io lascio correre, un genitore è sempre responsabile e io farò il mio lavoro di educatore, solo che prima di creare un muro basterebbe a volte immedesimarsi solo un attimo dall’altra.

E tu che esperienze hai?

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *