Lifestyle

QUANDO LUI TI SFIDA E PENSI HO FALLITO

Credo che quasi tutte le mamme abbiano istinti suicida di prima mattina, soprattutto quando si svegliano alle 6,30 e iniziano a martellarti la testa con

MAMMA,MAMMA,MAMMA.MAMMMMMMMAAAAAAA

poi continuano con il voglio questo, voglio quello, no non voglio questa maglietta ma voglio andare all’asilo con….con ovviamente qualsiasi cosa che tu proibisci. Pianti e disperazione continua fino alle 8,30 quando devi uscire di casa e potesse cascare il mondo gli succede sempre qualcosa. Una volta è la pipì, un’altra volta è la pupù, un’altra ancora si sporca giocando fuori, e poi si bagna con l’acqua, e poi ha disperatamente fame e poi…e poi tu SBROCCHI!!!

E incominci ad alzare la voce, ad ordinargli di stare buono, di non fare quello, di non fare questo.

“E LUI TI SFIDA”

Ti sfida guardandoti negli occhi e ti grida NO, NO non lo faccio, NO non mi interessa, NO tu sei cattiva, NO tu non mi fai fare quello che voglio, NO io lo faccio lo stesso.

Il sangue ti sale al cervello, tu non ci vedi più e due sono le cose, o lo sculacci o dai uno schiaffo contro il muro per non prendere la faccia di tuo figlio, ti fai male ovviamente ma almeno non hai fatto male a lui. E li ti prendono i pensieri…

Quando ti risponde male, quando non obbedisce, quando si ribella alle tue regole, quando ascolta il papà e non ascolta te, quando nonostante la sculacciata ti risponde pure male ti assale il dubbio che tu stia fallendo, che tu stia fallendo come mamma, come educatore, come donna, come genitore come tutto.
Tu che sei sempre rispettosa di tutto e tutti ti ritrovi ogni giorno a lottare contro una personalità “vivace”, contro uno spirito ribelle, tanto dolce e buono a volte quanto autoritario e prepotente altre. Ti plasmi, ti modifichi, cerchi di far capire perchè non può, ti arrabbi con te stessa perchè a volte sei presa da tutto quello che sta intorno, perchè ti incavoli presto, ma santa pazienza ti fanno venire proprio i capelli bianchi questi figli.

Poi si avvicinano per una sciocchezza e dicono voglio mamma. A te i fumi escono ancora ma sono i tuoi figli e non puoi fare a meno di amarli, anche se 5 minuti prima hai fortemente voluto essere alle Maldive senza figli con un mojito in mano.

Raccontatemi, voi come gestite le ribellioni dei vostri figli, grandi o piccoli che siano?

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *